BLOG LETTERARIO

LIBRI, AUTORI, CURIOSITA’ E MISTERI DAL MONDO

“Loro temono ciò che non conoscono e distruggono ciò che temono.”

Ramses – Christian Jacq

da | Dic 16, 2021

Foto Amazon

La saga di Ramses, come tutti i romanzi dell’egittologo francese Christian Jacq sono la manna per gli appassionati della storia e della cultura egizia. Se analizziamo le trame e lo stile di scrittura, non possiamo non notare che siano molto semplici, quasi elementari, con personaggi buoni che trionfano sempre sui brutti e cattivi malvagi sui quali pende la condanna di Maat: per quanto facciano soffrire i bravi protagonisti, già si sa che non potranno alla fine vincere la guerra. Il pregio di questa saga, è l’accurata precisione con cui viene ricostruita la vita quotidiana in Egitto, tipica della professione dell’autore che ci dona un sacco di piccoli cammei e conoscenze che rendono vivido onore a una grande civiltà. Ci parla di medicina, architettura, significato dei geroglifici, rituali, dèi, dinastie, storia, leggenda, ma anche cucina, favole e burocrazia del più vasto e progredito stato dell’antichità.

Foto dal Web Abu Simbel

La storia inizia col giovane Ramses che, sotto lo sguardo vigile del padre, Sethi I, un altro monumentale re, affronta la prova col toro sacro, guadagnandosi un punto sull’asticella del principe ereditario perfetto. Viene poi presentato lo “Scar” di turno, il “Caino” in agguato, ovvero Shenar che, in quanto figlio maggiore, si sente in diritto di regnare, pur non avendo le medesime doti di rettitudine del giovane Ramses. ma Ramses è scelto dal dio falco, simbolo di regalità e Sethi che rappresenta il perfetto monarca teocratico, sa riconoscere in lui il suo successore. Shenar non approva, chiaramente e inizia col fratello un braccio di ferro che non termina neanche con la morte di Sethi e la nomina di Ramses sul trono. La trama e i libri successivi esplorano tutto il lungo regno del grande re, tra matrimoni, figli e morti, nuovi e vecchi nemici, guerre e riconciliazioni.

Ramses II, un re che ho avuto il privilegio di omaggiare nella stanza dei Re al Museo del Cairo nel 2001. La mummia di Ramses splendida e in uno stato di conservazione perfetto, riposa lì, al sicuro in una teca a clima controllato. Ho potuto vederlo a meno di un metro di distanza e ringraziarlo per aver reso grande l’Egitto per 92 anni e per aver significato tanto nella mia formazione culturale.

COME LEGGERLO:

Luogo: Seduti sulla sabbia, in posizione da scriba

Tempo: Estate, col sole caldo

Sapori: focaccia al cumino cotta nel forno a legna

Profumi: Loto, incenso, sandalo

Musica: Solferino & Ibis Babé, In the earth of Egypt full album

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi