BLOG LETTERARIO

LIBRI, AUTORI, CURIOSITA’ E MISTERI DAL MONDO

“Loro temono ciò che non conoscono e distruggono ciò che temono.”

La pistola fumante

da | Nov 25, 2022

Foto dal Web

In editoria, il concetto di Pistola Fumante è uno dei pilastri fondamentali nella costruzione delle trame. Giusto ieri, mi è capitato di spiegare a mio figlio questo concetto, per aiutarlo a scrivere il suo racconto horror psicologico. Ma cos’è in realtà la Pistola Fumante? La definizione prende a prestito le atmosfere dei gialli e dei polizieschi, laddove c’è sempre una pistola che ha ucciso e che viene repertata tra le prove. La pistola non fuma in senso letterale, neanche è calda, ma è un’arma che ha sparato e ha determinato una svolta nella trama.

Per Pistola Fumante si intende infatti quell’avvenimento che ha determinato un qualsiasi punto di repere importante nella storia, sia esso un colpo sparato, un incidente, un taglio di spada o una notizia importante. Il concetto base legato a questo punto di svolta è che se nella trama è inserito un oggetto o un fatto, esso DEVE essere importante nella costruzione del racconto. L’errore da evitare, in questo caso, è proprio quello di inserire tanti spunti, indizi e concetti poi fuorvianti ai fini della storia.

Foto dal Web

Se è accettabile in un’indagine, che il protagonista percorra anche piste sbagliate prima di giungere alla soluzione del conflitto, è anche vero che ogni avvenimento che accade nella narrazione, deve contribuire allo sviluppo del contesto o dei protagonisti (una loro crescita, una loro crisi ecc.). In quest’ottica, la Pistola Fumante rappresenta quel dettaglio che tutti ricorderanno, sul quale si lambiccheranno il cervello e per il quale tutti si aspetteranno una spiegazione o una collocazione finale. Questa spiegazione finale, che non deve certo avere l’impostazione dell’infodump, ovvero dell’eccesso di informazioni, deve comunque servire a sciogliere i nodi formatisi nel progredire della trama.

Un ultimo consiglio sulle Pistole Fumanti è che è meglio crearne in numero contenuto, proprio per evitare che il lettore si perda in dettagli inutili. Una trama solida è capace di creare un filo rosso che accompagna il lettore fino alla fine, nonostante le divagazioni intermedie. Non dobbiamo tuttavia cedere alla tentazione di depistare apposta il lettore con indizi superflui e svianti, al fine di mascherare una soluzione troppo ovvia. Se il colpevole viene scoperto troppo presto dal lettore, la trama è debole. Allo stesso modo, se tutto ciò che abbiamo pensato come colpo di scena o pistola fumante è prevedibile, stiamo ancora peccando di superficialità e tutto l’impalcato del romanzo è da rivedere.

Foto dal Web

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi